Inforenal
Baxter

Trapianto renale

Una volta avviata e organizzata la dialisi, verrà preso in esame la possibilità di poterla inserire in lista d’attesa di trapianto renale: in quell’occasione riceverà tutte le informazioni e gli approfondimenti in merito alla sua personale situazione.

Il trapianto renale si esegue negli ospedali abilitati ai trapianti d’organo che sono distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Il trapianto renale rappresenta la forma più completa di terapia sostitutiva dell’insufficienza renale cronica. Attraverso l’intervento chirurgico, un rene prelevato da cadavere (trapianto da cadavere) o da un donatore vivente (trapianto da vivente) viene trapiantato nel corpo di un paziente affetto da un insufficienza renale cronica terminale. Il rene viene inserito in fossa iliaca destra o sinistra (sede inguinale) vicino alla vescica. I reni naturali sono lasciati nella loro sede anche se non funzionano più. Solo in casi particolari (reni polistici) sono rimossi prima del trapianto del nuovo rene.

Per essere considerati idonei al trapianto ci si deve sottoporre a una serie di esami (radiografie, esami del sangue, etc...) che devono escludere la presenza di eventuali malattie, incompatibili con il trapianto o con le medicine antirigetto che il paziente dovrà sempre prendere dopo l’intervento, per impedire il rigetto del rene trapiantato.

L’esito degli esami e le condizioni cliniche stabiliranno se il paziente è idoneo al trapianto.

Una volta entrati in lista d’attesa il trapianto viene effettuato nel momento in cui si rende disponibile un rene che abbia una buona “somiglianza” con i tessuti del paziente ricevente. Il trapianto non avviene secondo la posizione in lista: il rene disponibile viene messo a disposizione del paziente più idoneo, non al paziente che è in lista da più tempo.

Nel caso in cui un familiare si offra per donare uno dei propri reni al paziente (trapianto da vivente), al donatore verrà eseguita una serie di esami per valutare sia l’idoneità clinica che la compatibilità del rene.

Quando si esegue

Il trapianto verrà eseguito solo quando tutti gli esami eseguiti mostreranno che non vi è alcun problema per il donatore. L’intervento di solito richiede dalle 3 alle 4 ore.

Poichè non è possibile prevedere quando arriverà il trapianto, nell’attesa è bene che il paziente conduca una vita il più normale possibile: lavoro, famiglia, fare la propria dialisi al meglio e cercare di mantenere una buona forma fisica.

I pazienti trapiantati devono prendere farmaci antirigetto per tutta la vita, o almeno fino a quando il trapianto continua a funzionare.

Un trapianto di rene non funziona per sempre. I pazienti più giovani possono aver bisogno di due o più trapianti nel corso della loro vita.

Se il trapianto fallisce, i pazienti possono tornare in dialisi e aspettare un’altro trapianto.

Non tutti sono idonei al trapianto di rene. Il medico valuterà se per lei il trapianto può migliorare la sua vita o se le sue condizioni cliniche rendono il trapianto troppo rischioso o con scarse probabilità di successo.

SELECT a.* FROM `#__glossario` AS a WHERE id IN (118,119,140,129) ORDER BY a.word

Glossario

Renale: 
termine utilizzato ogni volta che ci riferiamo ai reni.

Rigetto: 
Condizione che si può realizzare dopo un trapianto di organo (ad esempio di rene). Il sistema immunitario del paziente sottoposto a trapianto, riconosce come “elemento estraneo” il nuovo organo ed inizia a produrre anticorpi che lo aggrediscono fino al punto di comprometterne la corretta funzionalità. La terapia è medica e si basa sull’utilizzo di farmaci immunosoppressivi, con l’obiettivo di bloccare questa reazione ed evitare che l’organo trapiantato sia danneggiato e/o perso.

Trapianto di rene: 
Un trapianto di rene è un intervento chirurgico nel quale viene prelevato (espianto) un rene sano da un donatore (cadavere o persona vivente) e viene impiantato nella parete anteriore dell’addome del ricevente (paziente affetto da insufficienza renale terminale). Perché si possa eseguire il trapianto, donatore e ricevente devono avere delle caratteristiche di “compatibilità”.

Vescica: 
Organo che ha la forma di un “sacco muscolare e membranoso” che raccoglie l’urina prodotta dai reni. La forma e la dimensione variano con la quantità di urina presente in essa.

Cesare Giovanni ha fatto il trapianto renale da 3 anni

"... il trapianto è arrivato molto inaspettato... ho seguito le indicazioni del medico e mi sono preparato per il trapianto che è avvenuto nel giro di 24 ore... è avvenuto tutto talmente in fretta che non ho avuto neanche il tempo di pensare... è stato un passaggio importante e fondamentale della mia vita... sapevo che con il trapianto la mia vita sarebbe cambiata ma che non sarebbe finito tutto... è molto importante seguire le terapie antirigetto ad orario... faccio una vita tranquilla ma sono conscio dei limiti che ho... iniziare la dialisi è stato un momento difficile che va affrontato senza eccedere o banalizzare bisogna dirsi ok oggi sono malato ma spero che fra 1, 2, 3 anni la mia vita migliorerà..."

Politica sull'uso dei cookies.